Fare le cose per bene

Ci avevo anche provato a fare le cose per bene.

Tabella, uscite, recuperi, ritmi, km e stretching serale.

Ci avevo provato, due settimane fatte molto bene. Anche un articolo sul blog.

Terre di Siena 30k, lunghi programmati e voglia di fare come matti.

Poi qualcosa è cambiato, come Jack.

Ci si è messa un montagna di mezzo, qualche trasloco e qualche ora in meno in cui poter fare girare le gambe.

Una mezza a Zola Pedrosa più o meno portata a casa (con tanto mal di pancia), una mezza a Verona senza brillare particolarmente, poche uscite e km qualitativi.

Ma la partenza di Palestro è dietro l’angolo, che ci si pensi o no, rimane sempre li, 12 Aprile. Non si sfugge, non sarà 2:53′, saranno 3h e poldo, ma sempre 42k saranno.

E allora, un collinare, il culo che tira per aver usato le gambe in modo “diverso”, il sole e le scarpe nuove, la voglia di fare bene che torna, la Maratonina delle 4 Porte a Pieve di Cento per provare a scendere gli 85′, capire in base ai riposi dove poter allungare le distanze…

A volte basta solo un segnale, e il più è fatto…

Pink Ghost

L.

PS: a proposito, oggi riposo…vai dove ti portano le Kinvara…

Le corse di Settembre

Riprendere le competizioni podistiche in Settembre sembra non essere mai facile, il ricordo è ancora totalmente incentrato su Agosto, sulle vacanze. Per chi è stato nel solito posto al mare, per chi non le ha fatte, per chi le ha passate bevendo mojito e per chi, come il sottoscritto, si è un po’ rotto le scatole nei 4 giorni solitari viennesi.
Poi se succede come quest’anno che fa più caldo in questo colpo di coda estivo piuttosto che nei precedenti mesi, la fatica nell’indossare un pettorale e correre 21 km può essere ancora più pesante.

La RunTuneUp bolognese di ieri è stato il paradigma di tutto questo, un percorso duro, che a riguardarlo disegnato sulla mappa Garmin somiglia ad un fiore appassito inscritto in una forma poligonale, pieno di salite, discese, appoggi scoscesi. Un percorso che difficilmente può permettere l’assalto al record personale,
e così per me è stato, nonostante una partenza convinta, un tempo quasi in linea con il best case scenario fino al 10° km, ma che si è risolto in uno stop&go all’11° km per un dolore intercostale che seguiva una spiacevole sensazione di un battito cardiaco invadente in gola. Qualcosa che fino a quel momento non mi era mai successo e che mi spingeva a più miti andature.
Fossi stato ancora a Parma, come un anno prima, il risultato sarebbe stato analogo a quello di 12 mesi fa, un ritiro facilitato dalla vicinanza fisica del traguardo, e per questo capisco Bako che ha deciso al 14° di preferire un massaggio rigenerante piuttosto che altri 7 km di fatica, io invece sono contento di aver chiuso in 1:27:50, di aver in parte contribuito negli ultimi chilometri al recupero di una posizione di una ragazza arrivata tredicesima in classifica, di non farmi ossessionare dall’idea di abbattere questo ancora insormontabile muro degli 85′.
Non so se arriverà quel giorno, magari non vale la pena nemmeno farsi ‘ossessionare’ da tutto ciò.

Perchè comunque vada dopo Settembre, arrivano anche Ottobre, e ci saranno Lisbona (ancora in forse), Cremona, Crema, Firenze, ecc.ecc.

m.

P.S.: E comunque anche incontrare i vip in queste gare dà la sue soddisfazioni!

"Se vuoi correre la domenica solo con me... indosserò la canotta verde degli spilli"

“Se vuoi correre la domenica solo con me… indosserò la canotta verde degli spilli” Bako dixit

E...Straneo con gli spilli

E…Straneo con gli spilli

Manca sempre poco a Berlino…

Manca un mese a Berlino.

Manca appena un mese a Berlino.

Manca solo un mese a Berlino.

Manca finalmente solo un mese a Berlino.

Comunque la mettiamo, mancano 31 giorni all’appuntamento clou per l’autunno-inverno 2014.

Non so se sarò pronto. Non so se farò 2:53′ oppure ci metterò un’ora di più. So solo che ci si prova ad allenarsi, in modo meno performante di prima ma con più fatica addosso, in tutte le sedute “notturne” che mi tocca fare sui colli, evitando buche, automobili, cinghiali e murene.

Domani intanto vado a Rubiera, per festeggiare Stefano Baldini. Quando mi ricapita di farmi un medio con una medaglia d’oro olimpica??? 

Appuntamento alle 16 a Rubiera, corsa alle 18.30 e successivo pasta party.

E poi via verso la mezza a Bologna del 14/09, con tanti amici lodigiani.

Che bello avere numerosi appuntamenti sportivi!

L.

…chi ha detto Dublin Marathon???

dublin marathon

Podista Bolognese, ancora no

Non posso ancora considerarmi un podista bolognese.

Un pò perché ancora non so bene come muovermi, un po perché indosso magliette che ricordano gare svolte nel lombardo/veneto, un pò perché a tapasciate in loco non ho ancora partecipato.

Oggi però mi si presenta l’occasione di sbloccare l’ultimo punto.

Una tapasciata (o presunta tale) mi si presenta bella bella stasera alle ore 19, in zona Casalecchio di Reno, via de Pisis.

Bel posto per una corsetta

Bel posto per una corsetta

E domani mattina ho il mio primo appuntamento podistico, con un simpatico e bravo triatleta del luogo, che mi inizierà all’attività podistica emiliana.

E’ ora di darsi una mossa, prima che tigelle e crescentine mi donino una bella forma morbidosa.

Alla Bricca, per intenderci.

Di seguito alcuni tentativi di perlustrazione del luogo, senza nessun investimento automobilistico, smarrimento della rotta nei parametri, polveri sottili ingerite LEVEL:MAX

Fartlek (o presunto tale) Giardini Margherita

Fartlek (o presunto tale) Giardini Margherita

Zona Industriale Direzione A14 BO-TA

Zona Industriale Direzione A14 BO-TA

Pilastro - San Donnino

Pilastro – San Donnino

L.