Passare dalla cassa

20130108-083622.jpg
Questo è il conto da pagare, si perché il mio corpo non mi regala niente. Alla fine la gioia per un personal best sulla mezza maratona (1h28’10”) sparisce dopo neanche 24 ore quando il mio corpicino viene a batter cassa. Questa volta il conto è salato, di solito me la cavavo con qualche dolorino muscolare e alle articolazioni, invece dopo la mezza maratona sul brembo, il ginocchio(quello famoso….si proprio quello degli Spilli) ha deciso di entrare in sciopero e in modo molto esplicito: “io con te non ci corro più, la domenica mattina voglio restare a letto!!!”. Queste le sue parole il lunedì mattina appena svegli. Il problema è che deve essersi riunito con altre parti del mio corpo che da giorni(anche mesi!!!) stavano iniziando a manifestare insofferenza nei confronti delle mie uscite runtastiche, quindi insieme al quadricipite sinistro, stufo di subire contratture, e al mio addominale basso destro, che si è rivolto ad una ecografia per capire il perché dei sui dolori, hanno deciso che è giunto il momento di dar loro il meritato riposo. Anche perché, di questo passo, sarebbe dura arrivare sani per la maratona primaverile che ho in programma. Quindi alla fine mi è toccato disturbare l’ormai famosissimo Dott.Gippo (Se non ci fosse bisognerebbe inventarlo) il quale ha timidamente provato a convincermi a smettere di correre così tanto, ma conoscendomi e conoscendo i benefici che ti da la corsa (ha incominciato a correre pure lui) mi è venuto incontro e mi ha fatto fare un giuramento solenne: “Niente attività sportive (proprio tutte) per 15 giorni!!!”. Mi è andata bene, anche se so già che se mi ripresenterò con il ginocchio conciato male mi farà rinchiudere in casa!!! Quindi cari lettori sono ufficialmente uno sportivo disoccupato, devo inventarmi qualcosa per sopravvivere, magari inizierò a recuperare informazioni sul regolamento per praticare polo con gli elefanti!!!

Nel frattempo, sdraiato sul divano con una bella borsa del ghiaccio sul ginocchio mi riguardo l’espressione gioiosa che avevo al traguardo a Dalmine dopo che avevo capito di aver battuto il mio record sulla mezza maratona!!!

Il volto della felicitàCiaoooo

BaKo

PS. Vuoi vedere che alla fine aveva ragione lo Zaffo….troppi cavalcavia!!!!

Caro Babbo Natale, siamo gli spilli e…

Siamo già a Natale, è tempo di regali.

Mi prendo l’onere e l’onore di stilare una lista di regali da poter elargire a noi spilli, sempre bisognosi di attenzioni e stimoli.

Caro Babbo Natale, fai attenzione qui sotto!

1 – Sveglia con ultrasuoni. Così, se non si sveglia chi si deve svegliare, con il solo suono della sveglia, tutti i quadrupedi del quartiere lo obbligheranno a scendere dal letto a furia di ululati. E mazzate di cani e padroni di cani.

2 – Calzamaglia nuova, sicuramente degna della precedente. Deve essere comoda ed avvolgente, servirà per plurimi scopi, non ultimo quello di cavalcare all’ippodromo di Tor Vergata in primavera.

3 – Paraurti nuovo, lato destro, per Mini anno 2006, colore bianco panna. Se vuoi farti un’idea o vedere il modello, è sulla strada provinciale che da Dovera porta a Pandino, dimenticato li da qualche sbadato.

4 – Iscrizione alla prossima DeejayTen. Non vogliamo farci trovare impreparati per l’anno 2013. Non vorremmo trovarci nella situazione di quest’anno, dove qualcuno ha dovuto chinare il capo di fronte alla chiusura (troppo anticipata,secondo il nostro punto di vista) delle iscrizioni.

5 – Elefante indiano, di modeste dimensioni, agile nel gioco del Polo su elefante, appunto. Ci fidiamo della tua buona conoscenza, sappiamo che non è facile trovarlo, così come non è facile trovare uno sport ancora “vergine” da poter praticare una volta superata la maratona e il triathlon. In alternativa, un divano nuovo. O un nuovo gioco per X-Box.

6 – Un pizzico di polemica in più. E si, perché insomma, di polemica non se ne può fare a meno, e molto spesso non basta. Accettasi anche qualche lezione in aula, con tutor dotati di notevole carica polemica. Se non è disponibile Filippo Facci, si accetta anche Giuliano Ferrara, l’importante è che paghi lui la mensa.

Questo è quanto.

Sappiamo che sarai molto impegnato, ma chi siamo noi spilli, gli ultimi degli stronzi?

L.